Fondi Europei: la nuova programmazione 2021-2027

Fondi Europei: la nuova programmazione 2021-2027

...

Per il Quadro Finanziari Pluriennale 2021-2027, la Commissione Europea propone impegni per 1.134,5 miliardi di euro

 

La Commissione UE, con il documento Orientamenti in materia di investimenti finanziati dalla politica di coesione 2021-2027 per l’Italia, nel quale si fornisce l’analisi sui settori d’investimento prioritari.

In questo contesto, l’Italia si vede destinataria di una quota pari a 43,4 miliardi di euro, aumentata del 6% sia per via della crisi, sia per una modifica del calcolo di redistribuzione che privilegia il sostegno al Sud Europa.

Aumentano anche le quote di co-finanziamento nazionale dei programmi:

  • 60% per le aree più sviluppate,
  • 45% per quelle in transizione e
  • 30% per quelle meno sviluppate e per il Fondo di coesione.

 

La priorità del programma 2021-2027 sarà investire maggiormente in aree come:

  • Ricerca e Innovazione
  • Giovani
  • Economia digitale
  • Gestione delle frontiere
  • Sicurezza e difesa

 

Ecco invece i pilastri della nuova programmazione:

  • Ricerca e sviluppo
  • diffusione delle tecnologie,
  • ambiente ed economia circolare
  • ICT
  • diritti sociali
  • sviluppo urbano, rurale e costiero

Il documento, inoltre, evidenzia le carenze dell’Italia: in particolare, la carenza di attività di ricerca e la scarsa capacità di crescita delle PMI, a cui si aggiunge l’incapacità di alcune regioni di spendere i fondi disponibili. Perciò, il documento suggerisce di concedere sovvenzioni nelle aree meno sviluppate e finanziamenti in quelle sviluppate.

Il rapporto evidenzia anche che l’Italia è dotata di scarsa capacità amministrativa nella gestione dei fondi strutturali e d’investimento europei, con la conseguenza che il tasso di assorbimento di tali fondi è inferiore alla media, almeno in alcune regioni e per alcuni programmi nazionali.

 

RICERCA & SVILUPPO

La spesa per la Ricerca & Sviluppo, in Italia è significativamente al di sotto della media europea.

L’Italia dispone di un margine per promuovere la crescita della produttività rafforzando le capacità di ricerca e innovazione e la diffusione di tecnologie avanzate, in linea con le strategie nazionali e regionali di specializzazione intelligente.
La Commissione UE evidenzia le necessità d’investimento necessarie per affrontare la sfida sul piano tecnologico, economico e sociale, affrontando nel contempo le forti divergenze regionali.

Evidenzia, inoltre, l’importanza di accrescere il numero e le dimensioni delle imprese innovative. Ed invita a sostenere servizi innovativi per gli organismi di ricerca e le imprese che cooperano al fine di trasformare nuove idee in imprese innovative sostenibili dal punto di vista commerciale.

 

DIGITALIZZAZIONE

Data la mancanza di integrazione delle tecnologie digitali nell’economia e dato il basso livello di competenze digitali, sono necessari investimenti mirati a promuovere la digitalizzazione di cittadini, imprese ed amministrazioni pubbliche. In tal modo si spera di aumentare le competenze digitali nelle piccole e medie imprese nonché l’adozione all’interno di esse di soluzioni tecnologiche digitali, compresi il commercio elettronico, i pagamenti elettronici, i servizi di cloud computing, l’internet delle cose, la cyber-sicurezza e l’intelligenza artificiale.

 

 PMI

Le piccole e medie imprese (PMI) italiane ottengono dei risultati inferiori rispetto alla media europea in termini di produttività e crescita, pertanto necessitano di  investimenti in questi due fattori-chiave attraverso la promozione dell’imprenditorialità, delle competenze manageriali e finanziarie, delle competenze relative alla transizione industriale.

Infine, la nuova programmazione intende sostenere l’internazionalizzazione delle piccole e medie imprese al fine di posizionarsi nelle catene globali del valore, anche attraverso l’adesione a reti di cooperazione e cluster interregionali.

Vuoi sapere il bando adatto alla tua azienda?

Compila il modulo e ti diremo le agevolazioni adatte a te!