Startup innovative: la finanza agevolata è fondamentale

Finanza agevolata, uno strumento necessario alla realizzazione dei progetti innovativi con deficit finanziario

 

 

La trasformazione digitale, il cambiamento degli equilibri mondiali e il cambiamento dei bisogni di una società sempre più complessa, chiedono uno sforzo ai paesi europei superiore a quello della sola competitività dei prodotti e servizi.

 

La Strategia Europea 2020 ha fissato specifiche priorità ed ha individuato – come si legge testualmente nel documento della commissione Europea – alcune “iniziative strategiche per consentire di uscire più forti dalla crisi e trasformare l’unione europea in una economia intelligente sostenibile ed inclusiva, caratterizzata da altri livelli di occupazione, produttività e coesione sociale“.

 

L’Italia, tra fondi comunitari e nazionali, ha messo in campo fondi e risorse per oltre 100 miliardi di euro.

 

Le risorse più significative sono state assegnate:

  1. ricerca e sviluppo tecnologico
  2. tecnologie dell’informazione e della comunicazione
  3. al settore agricolo
  4. alla pesca ed all’acqua cultura

 

Come da raccomandazioni della Commissione UE, uno stesso progetto può essere finanziato da più fondi, oppure più fondi possono finanziare più progetti consecutivi, ovvero progetti che si basano sui risultati ottenuti nell’ambito di progetti precedenti oppure ancora, progetti paralleli che si integrano cioè a vicenda.

 

Opportunità di finanziamento europee

I fondi finanziati comunitari sono gestiti direttamente dall’Unione Europea e stanziati in virtù di obbiettivi prefissati e di aree tematiche specifiche.

Tra i programmi tematici più importanti, a grandi linee, ricordiamo i seguenti:

  • Harizon 2020: che è sicuramente il programma principale per la realizzazione “dell’Unione dell’innovazione” destinato a fornire ai ricercatori e agli innovatori gli strumenti necessari alla realizzazione dei propri progetti;
  • Life: dedicato all’ambiente ed al clima;
  • Justice: ideato per promuovere la cooperazione giudiziaria in materia civile e penale al fine di creare uno spazio comune di giustizia all’interno dell’Unione;
  • Creative Europe: dedicato al settore culturale e creativo per promuovere la diversità culturale e linguistica europea;
  • Erasmus Plus: per promuovere la formazione, l’istruzione la gioventù e lo sport;
  • Health Programme: con l’obiettivo di migliorare la salute dei cittadini dell’Unione, riducendo le disuguaglianze e favorendo l’innovazione in ambito sanitario;
  • Emplojment and social innovation: destinato a sostenere l’occupazione , l’innovazione e la mobilità sociale all’interno della comunità Europea;
  • Connecting Europe Faciliting: mira a sostenere gli investimenti pubblici e privati nel campo dei trasporti dell’energia e delle telecomunicazioni;
  • Hercuke III 2014-2020: per sostenere la prevenzione e la lotta contro la frode, la corruzione e ogni attività finanziaria illecita;
  • Fiscalis 2020: con l’obbiettivo di combattere la frode fiscale e l’evasione fiscale e ogni pratica fiscale illecita;
  • Cosme: mira ad incrementare la competitività delle PMI sui mercati nazionali ed internazionali, sostenendo l’accesso ai finanziamenti e supportando la creazione di nuove imprese e sostenendo la cultura imprenditoriale;
  • Pericle2020: il programma per la protezione dell’euro contro la contraffazione monetaria.

 

Opportunità di finanziamenti nazionali

L’Italia, all’interno dell’operazione Europa 2020, ha messo in campo:

  • 11 Programmi Operativi Nazionali (detti PON), su varie aree tematiche;
  • 01 Programma Operativo per il settore marittimo e
  • 02 Programmi Nazionali relativi al settore rurale.

 

Opportunità di finanziamento regionale

La programmazione regionale relativa al progetto Europa 2020 è attuata attraverso:

  1. Programmi Operativi Regionali (POR);
  2. Fondo Europeo di Sviluppo Regionale (FESR) che prevede vere e proprie sfide per le Regioni con: Obbiettivi Tematici (OT) e Risultati Attesi (RA).

 

I POR sono sviluppati dalle singole amministrazioni regionali, dopo un analisi del proprio contesto regionale verso Europa 2020 e la definizione delle modalità attraverso le quali sostenere le proprie priorità di investimento per la crescita.

Quindi, i POR assumono un ruolo davvero di rilievo nella realizzazione della Strategia Europea 2020.

 

Il FESR concerta gli investimenti sulle seguenti aree tematiche:

  • Ricerca e innovazione
  • Agenda digitale
  • Sostegno alle Piccole e Medie Imprese (PMI)
  • Economia a bassa emissione di carbonio:

 

Nelle regioni in transizione la concentrazione su due priorità dovrà essere del 60% dei fondi e del 15% per le promozioni di economie a base emissioni di carbonio.

Le regioni meno sviluppate, invece, dovranno concentrare almeno il 50% su due priorità ed il 12% per proporzione di economie a basse emissioni di carbonio.

 

Altre fonti di finanziamento

Ai finanziamenti nominati in precedenza, inoltre, si aggiunga anche l’opportunità per le startup di partecipare alle Call ed ai bandi regionali pubblicati periodicamente.

Tali bandi , spesso , offrono ai vincitori dei finanziamenti composti da una parte a fondo perduto ed una parte a tasso agevolato.

 

Ed infine, altrettanto interessanti sono i fondi messi a disposizione da programmi come:

  1. GARANZIA GIOVANI
  2. ITALIA STARTUP VISA
  3. SMART&SMART ITALIA

Condividi l'Articolo!

LEGGI ANCHE:


Articolo pubblicato il: 6 Marzo 2018