LAVORO E CONTRATTI: LE ULTIME NOVITA'

LAVORO E CONTRATTI: LE ULTIME NOVITA'

...

Ultimi aggiornamenti in materia d’impiego e contratti di lavoro

 

Quando si parla di lavoro si affronta un argomento molto delicato, particolarmente complesso ed in continua evoluzione.

I rapporti di lavoro, difatti, possono avere molte peculiarità: al contratto di lavoro a tempo pieno e indeterminato, difatti, si sono affiancate negli anni numerose tipologie di contratti cosiddetti “flessibili”, dal contratto a termine a quello stagionale, dalla somministrazione al lavoro a chiamata, sino ad arrivare al nuovo contratto di prestazione occasionale.

Per non parlare delle disposizioni che regolamentano ciascun rapporto di lavoro derivanti dai contratti collettivi, che possono cambiare a seconda dell’inquadramento del lavoratore e della sua anzianità, o, ancora, delle disposizioni in materia di contributi ed assicurazione, o, ancora, di incentivi all’assunzione.

Oltre alla legge ed ai contratti collettivi, bisogna aver riguardo anche alle circolari del ministero del Lavoro, dell’Inps e dell’Inail.

 

Aumenta l’indennità per il licenziamento

L’indennità per licenziamento illegittimo corrisposta al lavoratore, secondo il decreto Dignità, dovrà salire da un minimo di 6 a un massimo di 36 mensilità.

Ad oggi, per le aziende sopra i 15 dipendenti, l’indennità va da un minimo di 4 a un massimo di 24 mensilità.

 

Tornano i voucher

Dopo il flop del contratto di prestazione occasionale e del libretto famiglia tornano i tanto discussi voucher, cioè i buoni per le prestazioni di lavoro occasionale accessorio: in effetti i due strumenti, che dal 2017 hanno sostituito i buoni lavoro, si sono rivelati difficilmente fruibili, soprattutto a causa della complessità degli adempimenti collegati e dei tempi di attesa dal pagamento delle somme all’Inps all’accredito nella propria provvista telematica.

I contratti di prestazione occasionale, in pratica, sono risultati inadatti a gestire la maggior parte delle attività di lavoro saltuario e, soprattutto, le attività da svolgere con urgenza, richiedendo tempistiche di attivazione eccessivamente lunghe e complicate.

Ecco perché è stata proposta la reintroduzione dei voucher nel decreto Dignità, che dovrebbe essere varato a breve: in un primo momento, i buoni lavoro dovrebbero essere reintrodotti nel solo settore agricolo, per poi passare a tutte le altre attività.

 

Nuovi voucher, si può ottenere il rimborso

Chi ha effettuato dei pagamenti con i nuovi voucher per prestazioni lavorative mai rese non è obbligato a mantenere i soldi nel proprio portafoglio virtuale Inps, ma può richiedere il rimborso all’istituto, direttamente attraverso il sito dell’Inps.

Questa possibilità vale sia nel caso in cui siano stati effettuati dei pagamenti per attività lavorative con contratto di prestazione occasionale, sia nel caso in cui i versamenti siano stati effettuati nel libretto famiglia.

Chi intende utilizzare una prestazione di lavoro occasionale, in effetti, ha a disposizione, una volta registratosi nell’apposita piattaforma dell’Inps, un portafoglio virtuale per i pagamenti al lavoratore, che può essere alimentato con pagamenti tramite modello F24, addebito nel conto corrente o nella carta di credito, attraverso il sistema Pago PA.

Il lavoratore viene poi liquidato dall’Inps entro il 15 del mese successivo a quello in cui è resa la prestazione.

Chi vuole ottenere il rimborso delle somme versate per prestazioni di lavoro occasionale o libretto famiglia mai utilizzate, deve accedere alla Piattaforma delle prestazioni occasionali sul sito dell’Inps (con codice pin, Spid o carta nazionale dei servizi) e presentare un’apposita domanda on line.

Nel dettaglio, all’interno della Piattaforma prestazioni occasionali bisogna compilare la sezione dell’anagrafica, “Modalità di rimborso”, indicando l’Iban sul quale si vuole ottenere il rimborso delle somme per le prestazioni occasionali non utilizzate.

Nel caso in cui i versamenti siano effettuati per contratti di prestazioni occasionali si deve indicare un codice iban riferito ad un conto corrente, mentre per il libretto famiglia si può indicare l’iban di una carta prepagata, di un libretto postale o di un conto corrente.

In ogni caso questi strumenti di pagamento devono essere intestati o cointestati all’utilizzatore che chiede il rimborso.

 

Aumentano gli assegni al nucleo familiare

L’Inps, con una nuova circolare, ha reso noto che sono stati rivalutati i livelli di reddito familiare delle tabelle contenenti gli importi mensili degli assegni al nucleo familiare (ANF), in vigore per il periodo 1° luglio 2018 – 30 giugno 2019.

La rivalutazione è dovuta alla variazione percentuale dell’indice dei prezzi al consumo per le famiglie di operai ed impiegati, calcolata dall’Istat tra l’anno 2016 e l’anno 2017, pari al +1,1%.

Si tratta della variazione intervenuta tra l’anno di riferimento dei redditi per la corresponsione degli assegni al nucleo familiare e l’anno immediatamente precedente.

Alla circolare Inps sono state allegate le tabelle contenenti i nuovi livelli reddituali, assieme ai corrispondenti importi mensili degli ANF, da applicare dal 1° luglio 2018 al 30 giugno 2019, alle diverse tipologie di nuclei familiari.

Gli stessi livelli di reddito avranno validità per la determinazione degli importi giornalieri, settimanali, quattordicinali e quindicinali degli assegni al nucleo familiare.