MODELLO 730: DETRAZIONE PER RISTRUTTURAZIONE

MODELLO 730: DETRAZIONE PER RISTRUTTURAZIONE

Detrazioni per ristrutturazione: casi particolari a cui prestare attenzione per evitare di perdere il beneficio fiscale

 

Casi particolari

Le agevolazioni fiscali sulle ristrutturazioni edilizie sono state negli anni oggetto di numerose revisioni normative e di altrettante proroghe e modifiche, ultime tra tutte le modifiche e novità apportate con la legge di Bilancio 2018.

In questa sede parleremo di alcune casistiche in cui tali detrazioni possono venire meno oppure in cui varia il soggetto beneficiario a seguito di particolari avvenimenti.

 

Brevi cenni normativi

La legge di Bilancio 2018 (Legge nr. 205/2017) ha prorogato al 31.12.2018 la possibilità di usufruire della maggiore detrazione Irpef (50%) per gli interventi di ristrutturazione edilizia, confermando il limite massimo di spesa di 96.000 euro per unità immobiliare.

In origine tale detrazione avrebbe dovuto scendere al 36% e con un limite di spesa di € 48.000 per unità immobiliare.

Nel caso di lavori su una singola unità immobiliare che consistono nella prosecuzione di interventi cominciati in anni precedenti,bisogna tenere conto delle spese sostenute negli anni pregressi per determinare il limite massimo di spesa su cui calcolare la detrazione.

Questo vincolo non si applica agli interventi autonomi ovvero non di mera prosecuzione, fermo restando che per gli interventi autonomi effettuati nel medesimo anno deve essere comunque rispettato il limite annuale di spesa ammissibile.

 

Compravendita dell’immobile

Nel caso di vendita dell’immobile su cui sono stati effettuati gli interventi agevolati, le quote di detrazione residue sono trasferite all’acquirente persona fisica (per la parte non ancora fruita) salvo diverso accordo tra le parti.

Il trasferimento è automatico in mancanza di indicazioni specifiche, pertanto la detrazione può rimanere in capo al venditore soltanto se ciò è espressamente previsto nell’atto di vendita.

Su tale aspetto è bene ricordare che la facoltà per il venditore di trattenere la detrazione fiscale per interventi agevolati di ristrutturazione è stata introdotta dal D.Lgs. nr.  138/2011 e limitatamente alle cessioni avvenute solo con decorrenza dalla data di entrata in vigore di suddetto decreto, ovvero dal 17.09.2011.

Ai fini della validità del riconoscimento della detrazione fiscale è necessario che il nuovo proprietario sia in grado di esibire tutta la documentazione richiesta per il riconoscimento della detrazione, anche se di fatto prodotta dal venditore.

Diversamente, nel caso in cui sia trasferita solo una quota della proprietà dell’immobile, la detrazione non si trasmette all’acquirente ma permane in capo al venditore.

L’Agenzia delle Entrate ha chiarito che, nell’ipotesi in cui l’acquirente, persona fisica, di una quota della proprietà diventi proprietario esclusivo dell’immobile oggetto degli interventi, le rate di detrazione non utilizzate, in tutto o in parte, dal venditore si trasmettono per i rimanenti periodi d’imposta all’acquirente medesimo.

 

Decesso del proprietario

In caso di decesso del soggetto beneficiario della detrazione, questa si trasmette, per le quote non detratte dal defunto, esclusivamente all’erede che conserva la materiale e diretta detenzione del bene.

La detenzione materiale e diretta del bene sussiste se l’erede assegnatario può disporre del bene immediatamente e liberamente.

La disponibilità si ha anche se l’immobile non è stato adibito a propria abitazione principale la detrazione spetta quindi anche nell’ipotesi in cui l’immobile ad esempio costituisca una “seconda casa” a disposizione (es.: casa di vacanza).

Il trasferimento della detrazione per mortis causa, comporta tuttavia una serie di casi particolari in cui la detrazione viene meno oppure muta soggetto beneficiario.

 

Familiare convivente

Un altro caso particolare, ma piuttosto diffuso, riguarda la possibilità di detrarre le spese per i lavori di ristrutturazione in capo al familiare convivente.

Tale beneficio è concesso purché il convivente abbia sostenuto le spese ed i bonifici siano a lui intestati e sussista la situazione di convivenza (ad esempio, desumibile da un certificato di stato di famiglia) sin dal momento di inizio dei lavori di ristrutturazione.

Non è necessario che l’immobile oggetto degli interventi di ristrutturazione costituisca l’abitazione principale dell’intestatario dell’immobile e del familiare convivente, ma è necessario che i lavori siano effettuati su uno degli immobili in cui di fatto si esplica la convivenza.

I lavori possono quindi riguardare anche una seconda casa, ma sempre a condizione che la stessa non sia occupata da terzi (in locazione o comodato).

 

Separazione

Nel caso di separazione tra coniugi, occorre fare una distinzione tra gli interventi di ristrutturazione già realizzati ante separazione e quelli successivi.

Nel primo caso, se le spese sono state sostenute da entrambi i coniugi, anche se uno di essi non è più residente a seguito di assegnazione dell’immobile all’altro coniuge, lo stesso potrà ancora portarsi in detrazione le spese sostenute prima della separazione.

La sentenza di separazione con cui è assegnato a un coniuge l’immobile intestato all’altro coniuge costituisce, titolo idoneo per fruire della detrazione per gli interventi di ristrutturazione edilizia, realizzati post separazione.

Il diritto del coniuge separato sulla casa già adibita a residenza familiare si configura come diritto personale di godimento che, in quanto tale, dà diritto allo stesso di fruire del bonus di imposta.

Naturalmente, il beneficio si concretizza a patto che il contribuente sostenga effettivamente (fatture e bonifici a lui intestati) le spese.

 

Come evitare gli errori

Per non giungere impreparati alla scadenza per la dichiarazione dei redditi, è consigliabile già in coso d’anno mettere da parte, in copia, i documenti inerenti le ristrutturazioni come ad esempio le fatture dei fornitori, i rispettivi bonifici di pagamento, le autorizzazioni richieste al Comune o ad altri enti, ecc.

È bene ricordare che poiché le detrazioni in oggetto vengono applicate per 10 anni, eventuali errori o dimenticanze su un solo anno fiscale, comportano la rettifica anche nelle dichiarazioni degli anni successivi.

Come abbiamo potuto vedere le casistiche sono numerose e spesso non di facile applicazione; recentemente l’Agenzia delle Entrate ha, inoltre, intensificato i controlli formali sulle dichiarazioni e in particolare sugli oneri detraibili e deducibili pluriennali.

In caso di dubbi sull’applicazione delle norme rivolgersi sempre ad un consulente, ad un Caf o ad un’associazione di categoria e consultare le guide fiscali aggiornate disponibili sul sito dell’Agenzia delle Entrate.

Cosa ne pensi?

Lascia il tuo Voto

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle6 Stelle7 Stelle8 Stelle9 Stelle10 Stelle