Strumenti finanziari partecipativi: nuove opportunità di finanziamento

Strumenti finanziari partecipativi: nuove opportunità di finanziamento

...

STRUMENTI FINANZIARI PARTECIPATIVI

Una startup innovativa può percorrere diverse strade ed utilizzare diversi strumenti e modalità per finanziare la propria attività economica e tra queste spicca sicuramente il ricorso ai cosiddetti strumenti finanziari partecipativi.

Questi, introdotti a seguito della riforma del diritto societario, si contraddistinguono per il loro forte carattere innovativo e la capacità di dare accesso a risorse finanziarie e servizi professionali.

Cosa sono gli strumenti finanziari partecipativi?

Gli strumenti finanziari partecipativi sono espressamente disciplinati dall’art. 2346 del codice civile, il quale consente ad una società di emettere tali strumenti a fronte dell’apporto da parte dei soci o di terzi, anche di opera o servizi. Questi strumenti sono corredati di diritti patrimoniali e amministrativi purché sia escluso il diritto di voto in assemblea dei soci.

Gli strumenti finanziari partecipativi, dunque, da un lato permettono alla startup di accedere e beneficiare delle risorse apportate dagli investitori senza che ciò pregiudichi la capacità decisionale della compagine sociale esistente: l’esclusione del diritto di voto, in particolare, impedisce di ridurre le quote di partecipazione dei soci preesistenti; dall’altro lato permette agli investitori che vogliono scommettere sul progetto di impresa di limitare il rischio al solo investimento e apporto effettuato.

La titolarità di tali strumenti rappresenta un investimento di rischio in quanto la loro emissione può avvenire senza obbligo di rimborso.

A chi si rivolgono gli strumenti finanziari partecipativi?

Gli strumenti si rivolgono:

  • alle startup innovative, anche in forma di s.r.l. come disciplinato dal D.L. 179/2012 (quale forma di finanziamento)

  • agli investitori (quale forma di investimento)

  • ai professionisti e lavoratori (quale modalità alternativa di remunerazione)

Strumenti partecipativi, azioni e obbligazioni: quali differenze?

La differenza rispetto alle azioni risiede nella modalità di partecipazione sociale rispetto a quella definita dallo status di socio derivante dalla titolarità di azioni: infatti l’emissione di strumenti finanziari partecipativi costituisce una forma di finanziamento che non intacca il capitale sociale a differenza della sottoscrizione di azioni.

L’elemento di distinzione rispetto alle obbligazioni risiede invece nella natura partecipativa dello strumento.

Quali sono i benefici?

Le startup possono beneficiare sia di un accesso a servizi e a prestazioni professionali senza un esborso finanziario immediato in quanto il pagamento delle prestazioni avviene tramite l’emissione di tali strumenti, sia a forme di finanziamento dell’attività d’impresa più agevoli rispetto a quelle tradizionali.

Il ricorso a questa nuova forma di finanziamento è subordinato a due requisiti:

  1. lo statuto deve prevedere la possibilità per la società di emettere gli strumenti finanziari partecipativi

  2. l’assemblea dei soci deve approvare un regolamento che disciplini le condizioni di emissione, i diritti amministrativi e patrimoniali e le modalità di circolazione, di recesso e di rimborso

Gli investitori beneficiano dei diritti amministrativi e patrimoniali che questi strumenti incorporano: forme di remunerazione dell’investimento definite direttamente dalla società, forme di compartecipazione affievolite alla vita societaria attraverso per esempio la possibilità di nomina di un membro del consiglio di amministrazione o dell’organo di controllo e un investimento a rischio limitato.

Ti daremo tutte le informazioni che ti servono!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *